Operazione verità - Il post parto o i 20 giorni dell'Apocalisse





I 20 giorni dell'Apocalisse sono quasi finiti. Ora dovrebbe iniziare la parte più facile del puerperio, o almeno così promette Francesca, l'ostetrica che in queste prime tre settimane dopo il parto ci ha fatto da guida, oracolo e soprattutto "genio della lampada" risolvendo dubbi, problemi e crisi di panico.

Nessuno mi aveva preparato a cosa sarebbero stati questi giorni e riflettevo con un'amica che forse è il caso di fare un'operazione "verità". Si dice sempre (molto pudicamente) che la neomamma è "stanca" ma non è solo quello. Di solito:

- Ha dei punti sulla patata che le rendono molto difficile stare seduta e camminare (e a volte anche stare sdraiata). Non si riassorbiranno che dopo settimane.
- Prova ad allattare anche se ha delle ferite sui capezzoli che non le fanno male solo se sta con le tette all'aria. Il suo seno è gonfio, dolorante e sgocciola latte come una tubatura rotta.
- Ha grosse perdite di sangue che possono durare anche 40 giorni (praticamente recupera in una volta sola tutto il ciclo che non ha avuto in 9 mesi).
- Le fanno male le ossa della schiena e del bacino come se ci fosse passata attraverso una persona (ah, già, ci è passata attraverso una persona).
- Andare in bagno per lei è a dir poco complicato, probabilmente prende dei lassativi e potrebbe avere anche le emorroidi.
- È vittima di una tempesta ormonale come nemmeno una mucca pazza: è tanto felice, poi ha voglia di piangere per ore e senza motivo.
- Non avrebbe mai immaginato che sarebbe rimasta così grossa.
- Ha tanto tanto tanto sonno ma tra poppate notturne e pensieri non ha mai dormito così poco.

Noi direi che ce la siamo cavata. Piccolé ha proprio un buon carattere (lo ha detto pure il nuovo pediatra) e siamo stati abbastanza tranquilli, limitando il più possibile l'invasione di parenti e amici in festa. Ora piano piano si ritorna alla normalità, pronti ad aprire le danze.

Ti piace questo articolo? Commenta, chiedi, condividi! 
Il tuo parere è importante per me.

3 commenti:

  1. Suuu che passerà in fretta e poi sei brava a razionalizzare! Aiuta tanto! ;D

    Lo so che è brutto da dire ma credimi, poteva andare peggio. Immagina se oltre a tutto ciò che hai elencato avessi anche gambe e piedi gonfi da non poter poggiarli per terra, da non poter infilare un paio di scarpe e non poter indossare nemmeno pantaloni dei pigiami! (solo in quelli xxl ci andavano le mie gambe!) :-|

    Quando la piccola dorme, lascia tutto e prova a dormire insieme a lei. Non cadere nella tentazione di usare quel tempo per faccende perché il sonno arretrato (per come me lo ricordo io) è in peggior nemico delle neo mamme. In bocca al lupo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, bella. In realtà ora sto molto meglio ma sono rimesta senza parole perché non mi aspettavo che sarebbe stata così dura anche fisicamente per giorni, pure con un parto naturale andato bene. Mi sembra che nessuno lo dica e ci credo poi che qualcuno ci rimane male se non hai tanta voglia di fare subito grandi festeggiamenti. Ma non ce la puoi fare!

      Elimina
    2. Già, su quello se ne parla poco o forse se ne parla ma nessuno si trattiene dal pensare che non sia poi così difficile? A me sembra che c'è troppo pudore anche nel parlare su quanto sia difficile ricevere molte visite nel primo mese! ;(

      Elimina